Valle di San Daniele ovvero canyoning in Valle del Chiampo ( parte prima)

Esplorare è ancora possibile e ieri pomeriggio ne abbiamo avuto l’ulteriore riprova anche nella valle del Chiampo.
Pensi che tutto sia visto e che tutto sia esplorato e invece restano ancora ambienti e zone anche vicino a noi in cui
nessuno o forse qualcuno ci è andato.
Tutto iniziò 5 anni fa quando il mio collega di lavoro Dario, durante una pausa pranzo, mi portò a vedere la valle di Carpenea ( o di San Daniele ) poco sopra Chiampo. Di corsa perché il tempo era poco, siamo scesi lungo il sentiero e abbiamo risalito il greto del torrente. Fatti alcuni saltini arrampicabili ci fermammo sotto una cascatina di 5-6 metri. Visita lampo ammagliati alla fine dalla vista del ponte di San Daniele. Un’opera antichissima abbandonata al degrado e al crollo. Restammo sorpresi dalla quantità di acqua e dalle numerose cascate e ambienti acquatici.
Pareva proprio una forra!
Ne parlai poi con il nostro Romano e anche lui non ne sapeva nulla o poco. Da piccolo andava a pescare le fario nelle pozze d’acqua, ma di cascate e forra non ne aveva mai sentito parlare.
Negli anni prendiamo info da altri locals, ma tutti parlano della valle in maniera vaga, qualche visita a caccia di gamberi o trote, tanta acqua , ma di averla percorsa integralmente nessun segno.
E così arriva il 19 marzo 2015 festa dei papà. Le cose da fare sono tante e un po’ alla volta bisogna portare a termine i progetti, altrimenti se ne accumulano troppi. Partendo da quelli piccoli si arriva poi a quelli grandi. Oggi è la volta della valle di San Daniele.
Ne parlo con Dario e poi con Romano. Il pomeriggio di giovedì 19 è il giorno giusto e allora ci ritroviamo tutti e tre alle ore 15.00 davanti la stazione di Chiampo.

IMG_4880
Lasciamo un’auto vicino la chiesetta di San Daniele e poi con l’altra su verso Alvese.
Siamo arrivati! Un piccolo ruscello attraversa la strada. I locals dicono che la Valle inizia qui.
Siamo vestiti un po’ come capita; un po’ boscaioli, un po’ torrentisti un po’ a caso.
Dario con la roncola in mano fa strada e io e Romano dietro.
Sono le quattro del pomeriggio quando iniziamo a scendere la valle e l’obiettivo è laggiù chissà dove.
Le prime briglie le superiamo agevolmente per il bosco.
Poi arrivano le prime cascatine e troviamo sempre una pianta o grande o piccola per fare le doppie.
Finché la valle si inforra veramente . La roccia è scura, vulcanica stretta anche un solo metro. Pozze d’acqua e arrivano le prime vere cascate. Niente alberi qui solo sassi. E allora cordino intorno al sasso e giù. Corda da 25 poi tocca alla corda da 60 metri. Giù cordini da abbandono . Non crediamo ai nostri occhi.
Mai avremmo immaginato di fare canyoning in Val di Chiampo.

IMG_4905
Pozze d’acqua anche profonde e ci si bagna anche le mutande.
Arriviamo sopra un salto di 15metri. Niente alberi , niente sassi non resta che piantare uno spit.
Giù altre cascatine , ma hainoi il tempo è tiranno.

IMG_4920
Il sole è oramai tramontato, sono passate le sei di sera. Siamo a metà forra ed è meglio non fare troppo i gajardi.
Troviamo un sentierino che ci riporta verso contrà Biasini.
Alle 6.30 di sera, quando è oramai buio siamo alla macchina.
Siamo veramente soddisfatti. L’altra metà la faremo la prossima volta e così la concluderemo tutta passando anche sotto a quel che resta del vecchio ponte.
Ma per ora possiamo essere soddisfatti, esplorazione e canyoning a due passi da casa. Non capita tutti i giorni.
Ciao,
Matteo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *