Tutti gli articoli di GSM

Gruppo Speleologi Malo

30° corso di introduzione alla speleologia

30° corso di introduzione alla speleologia 

dal 15 Settembre al 27 Ottobre 2022
Direttore del corso: INS Lavinia Giustiniano.

Lo scopo del corso è di fornire un’adeguata preparazione che vi permetterà di visitare in tutta sicurezza ciò che a pochi è riservato: scoprire il fascino dell’assoluto silenzio negli anfratti più nascosti e suggestivi del mondo sotterraneo.

La quota di iscrizione è fissata in 110,00 € per chi è in regola con il tesseramento CAI 2022 e comprende: la copertura assicurativa per il periodo del corso, l’uso del materiale didattico e dell’attrezzatura speleologica necessaria.

Il corso è riservato ai soli soci del CAI; il costo medio di iscrizione al CAI è di 45,00 € e dipende dalla sezione dove ci si iscrive.

Per l’iscrizione è necessario presentare un certificato medico per attività sportiva non agonistica in corso di validità. 

Le lezioni teoriche si svolgeranno presso la sede sociale del Gruppo nel Palazzo delle Associazioni a Malo piazza Zanini,1 alle ore 20.30 precise.

PROGRAMMA DEL CORSO:

Giovedì 15 Settembre ore 20.30 –  Serata informativa e raccolta iscrizioni: con l’occasione il GSM presenterà il gruppo, illustrerà nello specifico l’attività che svolge, presenterà il corpo docente e andrà a esplicitare il programma tecnico-pratico che il corso prevede. Raccoglierà le iscrizioni e i documenti richiesti.

Giovedì 22 Settembre ore 20:30 – Lezione teorica: abbigliamento, attrezzatura personale, alimentazione. 

Domenica 25 Settembre – Uscita pratica: Palestra di roccia Leute Kubele

Giovedì 29 SettembreLezione teorica: Spleleogenesi – geologia e carsismo/ biospeleologia.

Domenica 2 Ottobre – Uscita in grotta verticale. 

Giovedì 6 Ottobre – Lezione Teorica: Materiali e loro utilizzo. 

Weekend 7-8-9 Ottobre – Uscita pratica: Grotte del carso Triestino. Partenza Venerdì sera, rientro Domenica sera. Il costo del pernottamento è da considerarsi a parte e dipenderà dalla struttura scelta.

Giovedi 13 Ottobre – Lezione teorica: Soccorso speleologico, struttura e modalità di comportamento in caso di incidente. 


Domenica 16 Ottobre – Uscita pratica: Palestra di roccia Cereda

Giovedì 20 Ottobre – Cartografia e lettura rilievi ipogei. 

Domenica 23 Ottobre – Lezione Pratica: Grotta verticale

Giovedi 27 Ottobre – Lezione teorica: Organizzazione CAI – Storia della speleologia – chiusura corso

DA DEFINIRE DATA CENA DI CHIUSURA

Per necessità organizzative il calendario e/o gli orari potrebbero subire eventuali variazioni che saranno comunicate, nel limite del possibile, con adeguato preavviso.

Il corso si svolgerà rispettando le normative anti-covid e seguendo tutte le direttive della Scuola Nazionale di Speleologia.

REGOLAMENTO

L’età minima richiesta per poter accedere al corso è di 15 anni compiuti. Per i minorenni, è necessario il consenso scritto e firmato da entrambi i genitori.

Le iscrizioni devono essere accompagnate dal certificato medico d’idoneità all’attività fisica non agonistica in corso di validità; esse si ricevono presso la sede sociale tutti i giovedì dopo le 21.00 o alla serata di presentazione del corso. 

Il corso si prefigge lo scopo di fornire ai partecipanti un indirizzo morale e tecnico, affinché possano affrontare coscienti e preparati le difficoltà che si presentano nell’esplorazione sotterranea.

Il corso è retto da un consiglio direttivo, costituito dal direttore del corso e dagli istruttori. Gli allievi sono tenuti ad osservare strettamente le direttive dei rispettivi istruttori. L’ammissione al corso è subordinata al parere favorevole del consiglio direttivo. Il consiglio direttivo ha la facoltà di escludere in qualsiasi momento tutti gli allievi che a suo giudizio non ritiene idonei a continuare il corso. Ogni allievo è tenuto a frequentare con assiduità e puntualità il corso, tre assenze determinano l’automatica esclusione.

La direzione del corso declina ogni responsabilità sugli eventuali incidenti che dovessero verificarsi sia durante lo svolgimento delle attività teorico-pratiche, sia durante gli spostamenti dovuti alle stesse.

La direzione del corso mette a disposizione tutta l’attrezzatura tecnica di gruppo e le dotazioni per l’equipaggiamento personale necessario alla sola progressione in grotta. Gli allievi si impegnano ad usare con cura ed a risarcire eventuali danneggiamenti. L’attrezzatura in prestito dovrà essere restituita, debitamente pulita, alla fine del corso da tutti gli allievi.

ATTREZZATURA PERSONALE RICHIESTA AI PARTECIPANTI

Per il corso sono necessari i seguenti materiali:

  • Tuta intera in cotone o sintetica (tipo meccanico), 
  • Stivali in gomma al ginocchio con suola a carroarmato o scarponi con suola antiscivolo (in grotta possono sporcarsi e bagnarsi), 
  • Dotazione da escursionismo leggero (scarponcini, giacca a vento, zaino, ecc.)

Trovi la scheda di iscrizione comprensiva del programma dettagliato al seguente link.

Per ulteriori informazioni: info@speleomalo.it

Accorrete numerosi!

GIORNI GRANDI AL BUSO DELLA RANA

Non tutte le uscite di esplorazione danno sempre buoni risultati e capita spesso di ritornare a casa amareggiati e delusi. Le ultime uscite al Ramo PSG del Buso della Rana, invece , hanno invertito la regola e qualcosa di nuovo siamo riusciti a scoprire. Domenica 4 Dicembre 2021 a cambiarci al parcheggio eravamo in 5: io, Sid, Marce, Gek, e Valentina.

domenica 4 Dicembre foto di gruppo al parcheggio

Poi lungo il cammino Gek e Valentina hanno abbandonato per problemi vari e quindi in tre abbiamo continuato. Era dal 2020 che non ci tornavo e anche allora avevamo continuato la risalita fino alla Cura. Poi erano tornati Marce , Andrea ed Helene ed avevano continuato per altri 12 metri in su , fino ad arrivare a una cengia con delle possibili prosecuzioni in alto.

Risaliamo fino al limite delle corde e dopo aver guardato un po’ in giro Sid si cimenta con il traverso . Lunghi minuti di attesa , la corda che non scorre , Sid che sale e poi riscende finchè dopo un decina di metri non vede altra possibilità che ritornare sui propri passi e disarmare il tutto. Di qui la grotta non continua.

Sid impegnato nel traverso. Da lì scenderà per poi risalire in un lungo viaggio

Marce e Sid ispezionano un arrivo d’acqua tre metri sopra, ma è tutto stretto con un soffitto di frana. Resta da vedere la finestra proprio sopra all’armo, ma già che siamo qui conviene dargli un occhio. La palla passa a me e risaliti 5 metri , davanti mi appare uno scivolo e a circa una decina di metri un portale nero.

Grande eccitazione e stando attento a non muovere i sassi, perchè i miei compagni sono proprio sotto, risalgo fino a sbucare in una grande sala. Evviva finalmente nuovi ambienti. Davanti a me continua leggermente in salita, mentre sulla destra scende. Sognando già chilometri di grotta , sistemo l’armo e faccio risalire Sid e Marce. In un attimo sono su e cominciamo a ispezionare la grande sala. Tanti escrementi di ghiro ci fanno già pensare all’uscita ed effettivamente i dati dell’altimetro di Sid fanno sperare di essere già fuori nel bosco. Scoviamo tre camini, uno di 15 metri circa e gli altri due paralleli di quasi 25 metri. Battezziamo la Sala dei banchi a rotelle .

in fase di rilievo alla Sala dei banchi a rotelle.

Il pavimento è una enorme frana di sassi e guardando attentamente troviamo diversi fossili.

fossile
fossile
fossile

Siamo veramente contenti e i dati altimetrici di indicano che siamo risaliti di quasi 200 metri dall’ingresso e con i valori del rilievo sembrano essere corretti. Conclusione è che siamo oramai vicini alla superficie? Ma dove?

Giovedi in sede cresce l’entusiasmo e in un giro di watsup organizziamo un contatto Arva per la domenica successiva. Controllando sulle carte sembra che la zona sia quella delle Tre casette .

Domenica 11/12/2021 al parcheggio siamo io, Sid, Helene e Gek , mentre Andrea ci raggiungerà dopo. Arrivati alla Sala dei banchi a rotelle Sid comincia subito la risalita del camino da 25 metri. Arriva sulla cengia in cima giusto alle 13.00 per accendere l’Arva. Fuori sono in parecchi con 5 o 6 Arva a scandagliare prati e boschi.

Helene sale sul camino da 25 m

Arriva anche Andrea e come suo solito ci delizia con musica rock a manetta e bevande calde per tutti.

Andrea prepara il thè mentre la playlist scorre

Mentre attendiamo le 2 ore per la ricerca Arva Helene prima e poi il Gek fanno un traverso per controllare una finestra in cima al camino .

Gek in esplorazione della finstra in cima al camino

Alle 15.00 spegniamo l’Arva, e dopo un caos di corde varie ci prepariamo per l’uscita. Con una corsa da cave-runner usciamo fuori e ci catapultiamo al Bar Rana per sentire le novelle dai ricercatori esterni. Seduti attorno alla tavola, è grande la delusione nel sentire che non c’è stato alcun segnale dagli apparecchi .

I dati del rilievo indicano che non manca molto alla superficie, forse l’altimentro ha risentito degli sbalzi meteo e gli Arva non ci hanno aiutato , ma come sempre nelle esplorazioni in grotta servirà ancora tenacia e magari un pizzico di fortuna. Il secondo , anzi il 4 ingresso della Rana deve ancora attendere.

Matteo

IL BUSO DEL CHECHETO

Sembra quasi la favola di un bimbo prima coccolato e amato e poi per un tragico destino,  quasi  una maledizione ,  abbandonato e rinnegato.   Lasciato  là,  tra tante altre grotte dell’Altopiano del Faedo  senza un rilievo , senza una piccola storia da raccontare, senza un ricordo.

E’ così che  può iniziare il racconto  del  Buso del Checheto, localizzato in Val delle Lore a poche decine di metri dal suo fratello maggiore il Buso del Checo e dai suoi fratelli minori il Buso del Tricheco e il Buso del Quadricheco.

Parcheggiata la macchina al passo della Valle delle Lore, si prende per traccia di sentiero fino al  Buso del Checo.  Continuando alla stessa quota  per circa 30 metri in direzione Sud ci si trova sulla sinistra un piccolo affioramento roccioso con alcuni sassi  a formare un muretto. L’ingresso  molto stretto ricorda la tana di un tasso. Sulla roccia dell’ingresso la placchetta GPS è la numero  3855.

Ci si infila in uno scivolo  tra pareti e soffitto di roccia con  dimensioni  al limite umano  e con il pavimento d’argilla ricoperto di  foglie secche di faggio . Dopo un primo passaggio stretto  il cunicolo si allarga leggermente e dopo  circa 6 metri  si perviene alla partenza di un  pozzo a gradoni   per cui è bene  non entrare  a testa in giù e progredire lentamente.

Con uno spit si arma il corrimano e poi più  avanti di circa 2 metri uno spit e un vecchio fix arrugginito permettono di armare  in doppio la calata. Scesa la verticale di circa 3 metri si continua per gradoni  inclinati  mentre l’ambiente si fa sempre più grande con una larghezza di circa 3-4 metri e una altezza di quasi 10 metri. Una corda da 25 metri è sufficiente .

La base del pozzo è inclinata su sfasciumi rocciosi da un lato e sabbia/argilla dall’altro.

Qui l’ambiente è suggestivo con un soffitto di roccia compatta  e sembra di trovarsi all’interno di un canyon.

Sceso per alcuni metri il pavimento inclinato, si nota sul fondo la partenza di un cunicolo verticale prima largo e poi che si restringe quel  tanto da poter passare. Sul pavimento un muretto a secco indica l’imponenza dello scavo fatto per aprire il passaggio negli anni ’90  quando la grotta è stata scoperta . Sulla destra una grossa clessidra permette di creare  un armo naturale e con una corda da 15 metri si può scendere per gradoni arrampicabili restando attenti a non smuovere i sassi che formano gli appoggi per i piedi.

Dopo alcuni metri il cunicolo  verticale cambia direzione di 90° e bisogna infilarsi in uno stretto pertugio di fango che in discesa si supera senza problemi, ma che poi in risalita farà tribolare soprattutto con un sacco pesante attaccato all’imbrago.  Con un successivo saltino di 3 metri si arriva in una saletta di crollo.

E’ in questa saletta che ci si rende conto della “maledizione”  che da anni  ruota attorno a questa grotta e che ne ha determinato l’abbandono.

Erano gli anni ’90  e un gruppo di giovani del GSM dopo aver scavato a lungo per allargare il cunicolo  era entrato per esplorare la grotta fino al fondo. Terminati i lavori e  viste le possibili  potenzialità della grotta, nel tardo pomeriggio stavano uscendo e appena che l’ultimo era risalito e aveva disarmato la grotta  un forte boato di frana alle loro spalle fece ghiacciare il sangue nelle vene di tutti. Per solo qualche minuto avevano  scampato una tragedia  e una morte atroce che avrebbe scosso il mondo della speleologia per molto tempo. Da allora nel  Checheto con ci era entrato più nessuno. La paura di quella frana , di tutti quei sassi che si erano mossi  incuteva una giusta paura e nessuna voglia di ritornarci. E così il Buso ritornava nell’oblio , temuto e abbandonato da tutti.

Nel 2011  M. Iadini   e M.Scapin ritornavano fino al fondo constatando la  “stabilità  precaria” della frana, cioè che era meglio evitare un consistente passaggio  di speleologi e che tutto l’ambiente poteva collassare in qualsiasi momento.

Arrivati alla saletta di crollo  un pertugio fangoso permette di passare sotto al pavimento di frana.

Con un vecchio fix si posiziona una corda per il corrimano.  L’ambiente sembra essere precario , ma con molta attenzione si può procedere senza muovere quello che sta’ attorno. Dopo circa 3 metri ci si affaccia sul pozzo P24. Un grosso masso incastrato con parete liscia sulla destra e con due fix permette di armare la partenza doppia. Si scende di un paio di metri e un singolo fix consente di frazionare. Da qui si può notare la presenza di due grossi massi incastrati ( la pendola di formaggio ndr.) che incombono alla testa del pozzo. Di un colore chiaro e incastrati  in maniera perfetta catturano continuamente l’attenzione dello speleologo durante  la discesa e la successiva risalita .

Dal frazionamento si scende altri 2 metri  fino a raggiungere un frazionamento doppio che permette alla corda di non toccare la roccia.

La roccia erosa dall’acqua crea degli effetti artistici particolari ,con due archi naturali  di sicuro interesse fotografico. A circa 3 metri dal  fondo una cengia  consente di accedere, con una breve arrampicata, ad una finestra sulla parete.

Il fondo del pozzo è una frattura di 10 metri di  lunghezza in direzione Est-Ovest. Andando verso  Est si incontra un pozzetto di quasi 5 metri che chiude. Andando avanti la larghezza è di circa 2 metri ma la grotta termina con una liscia parete. Proseguendo invece verso Ovest si incontra un’altra possibile prosecuzione che è occlusa da sassi e che necessita di una disostruzione per permettere allo speleologo di passare.

 Continuando verso Ovest, la larghezza si stringe fino a circa mezzo metro e dopo 4 metri svolta a destra con un passaggio stretto che non è stato rilevato. Nel Febbraio 2011 M. Iadini si è infilato percorrendo un meandro stretto e non trovando alcuna prosecuzione.

Con l’uscita di martedi 04 Maggio 2021, si è finalmente eseguito il rilievo topografico del Buso del Checheto, che così può entrare ufficialmente tra le grotte dell’Altopiano del Faedo-Casaron da depositare al Catasto Regionale.

La grotta sembra presentare grandi possibilità di prosecuzione visti gli ambienti e la corrente d’aria sempre presente, ma l’ enorme frana che grava costantemente sopra la testa mi suggerisce di sconsigliare frequenti passaggi di speleologi.

Matteo