Rana: Uscita al Ramo Spalmer

Domenica 4 gennaio

di Laura

Pierga, Miguel, Eddy (nuovo corsista di quest’anno e quindi “portafortuna” per definizione!) ed io siamo andati allo Spalmer con l’intenzione di “rumare” nella frana finale del ramo (per capirsi, la frana “del Costa”).

Il ramo, per chi deve ancora andarci, termina con un cunicolo leggermente spostato sulla destra, lungo circa 3 m (perdonatemi se le misure non sono precise..) che si immette alla base di un camino alto 4 – 5 m, caratterizzato da un soffitto simpaticamente costituito da massi di notevoli dimensioni incastrati alla meno peggio e decisamente instabili… Pierga, sdraiato nel cunicolo, solleticava i massi con il palo (recuperato dal Camino dell’Eco) e al primo accenno di movimento, scappava all’interno del cunicolo.. Diciamo che è stata fatta strada.

Miguel ed io, per scaldarci un po’ (dato che Pierga ed Eddy lavoravano lungo il cunicolo), abbiamo deciso di provare a scavare nella nicchia presente sulla sinistra del cunicolo stesso. Qui i sassi sono immersi nel fango ma almeno il soffitto è “”sano”” (dopo aver fatto un po’ di strada ci siamo accorti che il soffitto non era poi così sano…Diciamo che l’intera lastra che costituiva il soffitto era sana, ma era una lastra..).

Ad un tratto Miguel dice: “guarda Laura, il teschio di un animale..!” e me lo passa con cura. Con altrettanta cura lo osservo e lo passo delicatamente ad Eddy che a sua volta lo mostra a Pierga. Io e Miguel ci lasciamo trasportare dalla nostra fervida immaginazione: ah, l’uscita è ormai imminente (l’animale dev’essere pur entrato da qualche parte!). Immagina una galleria costellata dalle radici delle piante esterne che saggiano l’umidità del sottosuolo.. E quell’animaletto? Forse una Faina visto che i canini sono ben sviluppati e il musetto è un po’ allungato… Poverino, che brutta fine deve avere fatto.. schiacciato dai sassi.. “Oh, guarda, ci sono anche le ossa del resto del suo scheletro. Dai, portiamo fuori tutto e chiediamo a chi sa più di noi!”. Con cura raccogliamo le restanti ossa e le mettiamo in una sacchetto (vertebre, femori, costole e mandibole). “Eddy, ci passi il teschio che lo mettiamo insieme alle altre ossa, per favore?”

La risposta è stata: “non so dove l’ho messo.. Non mi ricordo se l’ho appoggiato da qualche parte o se l’ho lanciato..”

… EH??!!? … Ma zio Billy………… (i puntini di sospensione sostituiscono varie colorite ed intense “considerazioni”..)

(ovviamente una birra media a testa.. Ma secondo me tutti i soci del GSM possono ancora vantare il diritto di una birra offerta..)

Comunque, le restanti ossa le abbiamo a casa Pierga ed io. Il fatto che ci fosse un piccolo vertebrato in grotta (nè ghiro, nè pipistrello) ci ha fatto considerare l’ipotesi di un’uscita davvero vicina, quindi…

Un pensiero su “Rana: Uscita al Ramo Spalmer”

  1. “…Pierga, sdraiato nel cunicolo, solleticava i massi con il palo (recuperato dal Camino dell’Eco) e al primo accenno di movimento, scappava all’interno del cunicolo…”

    MITICO !! CHE CORAJO! TUTTA LA MIA AMMIRAZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *