Buso della Rana

Di nuovo… al Buso della Rana

Non capita tutti i giorni di trovare un nuovo ramo in grotta, ma stavolta è successo.

Tutto inizia nel 2013, quando si va a visitare i rami vicino a Sala Grog (Ramo Nord) per provare

a disostruire un passaggio stretto che dopo una decina di metri chiude nel più stretto.

Tornando verso fuori si mette il naso di qua e di la e Sid e Paolo si infilano in  una strettoia che pare strano

nessuno abbia mai forzato.

Comoda, con un arrivo di acqua, concrezioni, manine e nessun bisogno di trapano e altro per proseguire.

Quando tornano fuori ci raccontano di aver percorso un meandro non troppo stretto , con acqua alla base

e dopo 40 metri si sono fermati davanti a delle concrezioni troppo belle per essere distrutte senza una foto.

E il ramo continua! Usciamo e ci proponiamo la prossima volta di tornare con macchina fotografica e una mazzetta.

IMG3956

Passa il 2013 con le concrezioni ancora là e le foto da fare.

L’8 marzo torniamo al Ramo Nord con i ragazzi del Progetto di Speleologia Glaciale ( Margherita, Andrea e Paolo)

con l’idea di farci un giro turistico ma stranamente con la mazzetta nel sacco.

Quando arriviamo alle concrezioni restiamo incantati nel vederle, ma vedendo il nero oltre

non restiamo con le mani in tasca e tiriamo fuori la ….macchina fotografica.

IMG_3958

Potenza dei pixel e delle compatte riusciamo a infilarci di la e restiamo colpiti nelvedere come il ramo

si allarga e si innalza con un camino di 10 metri e sopra il nero che più nero non si può.

IMG3965

Nella uscita successiva risaliamo il camino e arriviamo sotto un altro  spendido camino di 30 metri di altezza

con le pareti perfettamente levigate e alcuni punti interrogativi alla sommità.

Torniamo fuori e rileviamo e così dalla carta e dalla penna e dai potenti mezzi informatici nasce il Ramo PSG.

aggiunto ramo PSG

Attualmente lo sviluppo del Ramo PSG  è di 95 metri, ma la zona in cui si sviluppa caratterizzata da rami aerei

fa ben sperare.

Vediamo come andrà a finire alla prossima uscita se la vecchia ci lascia!

(Ehhhhh!???)

 

CHIUSO IL PASSAGGIO IN F-RANA

Con la presente si comunica che il passaggio che collega il Buso della Pisatela con il Buso della Rana è stato chiuso a chiave con lucchetto.
Dopo l’apertura del passaggio in F-Rana nel 2012 la zona è sempre stata oggetto di movimenti e crolli soprattutto dopo forti precipitazioni.
Per tre o quattro volte abbiamo aperto il passaggio e rinforzato la struttura metallica chiedendoci ogni volta quanto pericoloso possa diventare questo passaggio se non si sta bene attenti.
Per evitare che la curiosità e la non conoscenza dell’ambiente possano causare incidenti abbiamo deciso di chiudere con un lucchetto il passaggio.
Le chiavi saranno tenute dal GSM Malo e dal GGS Schio che potranno fornire informazioni sulla situazione a chiunque ne farà richiesta.
GSM

Incontrato un’abitante della Rana.

Venerdì 30 agosto, durante un giro serale lungo il ramo principale della Rana, abbiamo incontrato in arrampicata su una parete, un’abitante della grotta, un ghiro.
ghiro (glis glis)

Rana-Pisatela un anno dopo

E’ passato più di un anno dalla giunzione Buso della Rana – Buso della Pisatela e trascorsi gli “euforismi” della novità, la corsa allo scoop, la ricerca della paternità dell’impresa e la foga della prima traversata, nessuno ne parla più.

Il gallegiante segna livello all'Ultima Spiaggia

Voglio aggiornarvi su come stanno andando le cose, visto che molti ci chiedono info sulla situazione avendo sentito le più svariate versioni più o meno veritiere.

Dopo la nostra prima traversata fatta in compagnia degli amici del GGS a fine luglio 2012, abbiamo fatto varie uscite per continuare la messa in sicurezza dell’ultima parte del passaggio scavato in F-Rana che porta all’Ultima Spiaggia dalla Pisatela. L’ultima dall’anno scorso risale al 17 Novembre quando abbiamo reso agibile il passaggio criticamente danneggiato da almeno un paio d’importanti piene, verificatesi proprio nelle settimane antecedenti a quella data. Durante quell’uscita avevamo notato anche che la porta da noi installata per smorzare la forza della corrente, risultava “stranamente” in parte aperta: forse anche per questo gli effetti sono stati abbastanza demolitivi. Inoltre parte del materiale asportato dall’acqua, è andato parzialmente a ostruire un passaggio basso che da sala dell’Ultima Spiaggia porta al By-Pass del sifone.

Il passaggio verso il By-Pass

Consci del fatto che il cunicolo, creato all’interno della frana, molto probabilmente con il tempo sarà destinato a chiudersi se non dovutamente conservato con attenta manutenzione (questo lo immaginavamo anche prima di completare l’opera), abbiamo deciso, per quanto possibile, di implementare e “completare” la messa in sicurezza dei passaggi critici.

Verso il sifoneDopo alcuni mesi d’inattività nel “cantiere” anche a causa del meteo poco favorevole, la settimana (martedì 2 Aprile) scorsa abbiamo incominciato a trasportare altro materiale in grotta e appena possibile completeremo il lavoro. Adesso la traversata per via aerea non è possibile se non spostando del materiale che ostruisce quasi completamente il passaggio di cui parlavo prima.

Lillo

Bruna, non tanto alta, un po’ schiva,….. ma attraente

Tutte le volte che di ritorno dall’Androne Terminale del Buso della Rana  passavo per quella sala senza nome prima della Sala della Vigna, mi son sempre chiesto che ci facesse quella finestra la’ di dimensioni accettabili, non tanto alta, di una bellezza modesta, semplice,  di colore bruno, quasi schiva, ma attraente.

il manoscritto ritrovato

Un’attrazione a prima vista, come un colpo di fulmine si potrebbe dire.
E magari con qualcuno ne avevo anche parlato, ma a bassa voce :<< Visto quella ? Bella no?>>.
E ogni volta che ci passavo sotto la guardavo, la studiavo e mi dicevo :<< Vorrei tanto conoscerla>>.
E poi :<<Ma tanto è sempre là, ma tanto la conoscono tutti! Chissà!>>.
Poi per un po’ non si passa più, poi si crede di fare come quelli veri, poi si fa come quelli veri, poi
si ritorna piccoli e si vorrebbe fare ancora come quelli veri.
Finchè un bel giorno, mentre con Paolo si mette mano a tutta la documentazione di Iko sul Buso della Rana per fare la mostra per il 40° del Cai Malo, ecco to che salta fuori un foglio di “carta di formaggio”, un manoscritto dei fantomatici anni ’70 con una fantomatica “Finestra dei Genovesi”.
<<E che roba è questa?>> .
Appare uno pseudo rilievo fatto in velocità, un punto di domanda e la partenza dal caposaldo 45 del vecchio rilievo di Gastone Trevisiol e altri.
Ecco to la  finestra dei miei sogni ed è ora che mi faccio coraggio per conoscerla.
Ai primi di Dicembre 2012 , ci troviamo io e Lillo e cogliamo  l’occasione di provare il mini trapanino  da portare in  Gola Profonda al Corno.
Risaliamo di 8 metri, su vecchi spit finchè arriviamo alla Finestra dei Genovesi.
<<Piacere! Ci piacerebbe fare come quelli veri, possiamo?>>.
Ma una lama proprio in mezzo ci impedisce di proseguire in tranquillità  senza forzare il fisico.
Il primo incontro non va troppo bene. Forse siamo stati troppo gentili, troppo educati, forse
dovremmo dare di più , forzare la mano,…. osare.

bassa, bruna , ma attraente.

Passano le settimane , la testa va giù verso Gola Profonda, il nostro fisico la segue, superiamo il nostro limite e della Finestra dei Genovesi ce ne dimentichiamo.
Andiamo su  per scendere giù, un altro mondo, altra testa, altri luoghi, altri sogni da inseguire, altri momenti indelebili.
Passano poi le feste, vediamo la Befana venire giù e ritorna in mente quella bruna finestra.
Così martedi 8 gennaio  ci ritroviamo in tanti per osare.
Siamo io, Alberto, Marcellino, Lisa, Alessio , Lillo, Massimo .

Lei è sempre li, immobile, ti guarda e non dice niente.

E allora noi forziamo la mano, ci allunghiamo forse troppo, ma è quel minimo che  serve per conoscerla .
E di la’ come diceva il vecchio manoscritto  di Iko una stretta strettoia e poi una curva con punto di domanda. Nulla insomma!
Osa fallire diceva quell’altro. E noi abbiamo osato, abbiamo fallito ma ne valeva la pena.
Quella  sera il Buso della Rana ha allungato ancora, qualcosina, forse poco, ma va bene lo stesso così.
Forse non gli eravamo tanto simpatici!

ciao

matteo

La prima traversata al Buso della Rana

Domenica 29 luglio 2012 alle 18 son usciti dal Buso della Rana degli speleologi che non vi erano mai entrati.

Potrebbe sembrare un gioco di parole ma in realtà stiamo parlando di un fatto senza precedenti. Infatti, per la prima volta nella storia delle esplorazioni della grande grotta veneta, sono giunti a rivedere la luce degli speleologi che non erano entrati dal grande ingresso, ma da un altro pertugio, una piccola apertura nella soprastante valle delle Lore al Faedo: la Grotta della Pisatela.

Lo scorso 17 Marzo infatti è stata realizzata la giunzione delle due grandi grotte: la Grotta della Pisatela ed il Buso della Rana.
La natura le aveva separate con una grande, ciclopica frana di massi e solo gli sforzi congiunti degli speleologi dei gruppi GSM di Malo e GGS di Schio hanno potuto realizzare la giunzione con l’apertura di un cunicolo tra la parete e la frana, lungo una trentina dimetri. La grande opera di scavo e consolidamento della piccola galleria ha visto impegnati gli speleologi dei gruppi di Malo e Schio per 8 anni.
L’obbiettivo era dare un’unica identità ad un fenomeno naturale imponente che, con la giunzione delle due grotte, arriva a sfiorare i 40 km di sviluppo totale delle gallerie sotterranee.

Altra possibilità offerta dalla giunzione era quella della “traversata”, cioè entrare da un ingresso e uscire dall’altro.
Il Buso della Rana è stato esplorato da speleologi fin dal dal 1933.

Per quasi ottant’anni tutte le esplorazioni, anche quelle nelle zone più interne, presumevano un percorso identico ripetuto due volte, andata eritorno. Nella traversata il percorso diviene singolo, un passaggio, anche impegnativo, si fa una sola volta.

Domenica 29 luglio, 27 speleologi del Gruppo Speleologi Malo CAI, Gruppo Grotte Schio CAI e Gruppo Grotte Trevisiol CAI Vicenza, hanno compiuto la prima traversata intergruppi dalla Pisatela alla Rana.
Alcuni speleologi di Schio hanno voluto celebrare l’avvenimento con la traversata “integrale” del complesso, entrando dall’ingresso più alto della Pisatela e riunendosi al gruppo più numeroso alla Sala delle Mogli in Pisatela.
Erano presenti ben quattro generazioni di speleologi dei tre gruppi. I “vecchi” che per primi più di 40 anni or sono avevano esplorato ogni più piccolo pertugio dell’altopiano del Faedo, sognando di raggiungere il sottostante Buso della Rana; quindi le due generazioni mediane, che sono scese anche oltre cento metri in qualche importante cavità verticale del Faedo senza però raggiungere il tanto desiderato Buso, e i più giovani, che stanno vivendo il momento attuale, e, in qualche maniera, raccolgono i frutti di tanto impegno. Tutti, dal più anziano 63enne al giovanissimo 17enne, si sono riuniti in questa storica “spedizione”, che ha coronato il sogno di una vita speleologica.

Essi sono entrati alla Pisatela alle 9,30 del mattino. Alla Sala delle Mogli l’incontro con i 5 scledensi che arrivavano
dall’ingresso alto. Alla Sala della F-rana hanno dovuto indossare le mute in neoprene per superare i tratti allagati delle zone finali del Ramo Nero. E’ stato inaugurato il passaggio del portoncino anti-piena voluto e realizzato dagli speleologi del GSM, per scongiurare i pericoli di ulteriori richiusure del cunicolo artificiale che, in caso di piena, veniva spazzato dalla forza della corrente, con effetti erosivi devastanti. Abbiamo potuto constatare l’ottima funzionalità della porta, a garanzia di una sicura e certa percorribilità futura.

Un grazie pellicolare quindi agli speleo di Malo che l’hanno progettato, realizzato e messo in opera. Molto bella la piccola targa che segna il limite “geografico” delle due grotte. E’ stato quindi percorso tutto il Ramo Nero fino al bivacco di Sala Snoopy, nella zona centrale della grotta. Qui è stata compiuta una lunga sosta con la preparazione di un buon piatto di tortellini offerti dal GSM, che hanno ristorato il corpo e preparato gli animi per le due ultime ore di grotta finoall’esterno. Alle 18,30, dopo circa 9 ore, anche l’ultimo speleologo raggiungeva l’ingresso del Buso della Rana.
Il momento è stato commovente e gli speleologi sono stati festeggiati con un buon brindisi dai compagni che li aspettavano all’ingresso. Erano presenti tutti quelli che ci hanno creduto, che hanno voluto fortemente che questo momento avvenisse, che hanno cercato, indagato ogni fessura, spostato tonnellate di pietre e di terra, in vista di un comune obbiettivo, perché la storia di questa affascinante grotta si arricchisse di un altro importante capitolo.

Lanaro Federico.


GSM

Lanaro Federico, Sartori Fabio, Dalla Cà Gaetano, Scapin Matteo (p), Valmorbida Franco, CostalungaStefano, Comparin Paolo, Panizzon Stefano, Zanardo Marco,Carollo Alberto, Cortiana Ester, MasieroDonatella, Mantese Gianluca, Fogliato Andrea, Filippi Andrea, Zattra Massimo, Franceschi Devis.

GGS
Raumer Cesare, Masetto Flaviano, Cadalbini Carlo (p), Busato Paolo, Boarin Marco Dalla Costa Igor,Dalla Costa Cristian, Sampò Fernando, Lucia Gallo.

GGT
Da Meda Maurizio.




Il Gruppo Grotte Schio Cai ha pubblicato l’articolo “Traversata!!! ” visibile all’indirizzo

http://speleoschioggs.altervista.org/traversata/

Ma la giunzione Rana-Pisatela c’è ancora?

Non se lo sapevate ma le abbondanti precipitazioni di Aprile hanno chiuso il passaggio che dalla Pisatela va in Rana.
Avevamo già ipotizzato che potesse succedere questo vista la precarietà di alcuni passaggi infatti stavamo già costruendo una “porta” per frenare la piena.
Sembra però che il danno fatto non sia così grave…
A seguire il racconto dell’uscita fatta sabato scorso fatta da Ico.
Ciao
Lillo

Fasi di messa in opera

Fasi di messa in opera

Cari soci del GSM,
vengo a scrivervi non nel ruolo che siete abituati a leggermi, ma, finalmente, in quello un po’ più serio di speleologo in attività speleologica.
Ho infatti deciso di cogliere l’occasione di avere il Da Meda Maurizio voglioso di vedere ‘sta Pisatela, non mai vista prima. Lo accontento ben volentieri e mi associo alla spedizione di Sabato 12 Maggio, che prevedeva il trasporto e la messa in opera della porta anti-piena. Maurizio mi telefona chiedendo se può portare un amico e io gli dico che una mano in più è più che ben accetta dato il notevole peso della porta e dei montanti.
Ci troviamo così alle 8 dalla Nella: Franco (Eiffel), Alberto (Frigo) Lillo, Iko, Maurizio e Alberto, suo allievo speleologo e “non solo” (anche sommozzatore, idraulico, muratore, ecc, ecc.). Sapremo poi che è anche alla sua prima uscita in grotta verticale.

Rifiniture

Rifiniture

Dopo aver equamente diviso i pesi ci tuffiamo dentro la grotta e senza problemi particolari giungiamo alla sala della f-rana. Qui constatiamo la notevole erosione operata dalla piena, infatti il pavimento del cunicolo artificiale è notevolmente eroso e sottoscavato. Arriviamo al cunicolo finale e scopriamo che dei due metri di verticale non restano che ..: venti centimetri. Il resto è sepolto da un ghiaino lavato. Così mentre il tris di ingegneri si mette all’opera sulla porta, il tris di operai si mette allo scavo del cunicolo. Alberto è veramente una ruspa umana e dopo un paio d’ore nelle quali vengono alla luce: una chiave da 22, un picozzino, un palo di 2 metri, cominciamo a intravedere dei fori neri, i sassi scendono verso il basso e l’aria comincia a circolare. Per un attimo penso di riuscire a far vedere a Mauri la “nostra” targa all’Ultima Spiaggia” , ma poi la stanchezza comincia a farsi sentire. Abbiamo liberato circa un metro verticale di cunicolo e si vede il nero sotto. Un altro turno di scavo e si passa. Franco e gli altri stanno terminando la posa della porta e noi tre ci incamminiamo per l’uscita.
Io voglio essere fuori abbastanza presto perché devo andare a vedere la mia nipotina nata Venerdì sera. Adesso sono anche nonno.

La porta e l'armatura

La porta e l’armatura

All’uscita troviamo Stefano Costalunga che ci aspetta con una bottiglia di prosecco. Allo stappo mezza bottiglia se ne va sulla dolina sotto forma di getto di schiuma. Ne resta appena sufficente per un brindisi. Comunque attendiamo l’arrivo degli altri speleologi e insieme ci facciamo una birra con bruschetta su da Carlo al Faedo. Maurizio è rimasto notevolmente colpito dall’opera di scavo e ci diamo appuntamento alla prossima uscita che sarà probabilmente la traversata geriatrica fino all’ingresso del Buso della Rana.
El pi vecio (adeso anca nono)
IKO

17 Marzo 2012 la congiunzione Buso della Rana e Buso della Pisatela.

Ieri 17 Marzo 2012 il Gruppo Speleologi Malo e il Gruppo Grotte Schio hanno concluso i lavori veri e propri di scavo e hanno così unito definitivamente le due grotte in un unico abbraccio .
Dopo alcune ore spese per mettere in sicurezza il pozzetto finale sono arrivati all’Ultima Spiaggia del Buso della Rana festeggiando lo storico evento con una tempesta di emozioni che le parole non possono descrivere.
Otto anni sono trascorsi da quando i lavori di scavo sono iniziati.
Nel gennaio 2004 i primi tentativi per assaggiare il punto debole della F-Rana .
Nel 2005 sono stati portati dentro morsetti e tubi innocenti per rendere sicura la progressione e via a togliere sassi per altri due anni progredendo per più di 10 metri.
Poi lo stop a 14 metri dal sogno, fermati dalla parete di roccia e dall’aria che si infilava in alto con grande pericolo .
Nel 2011 la svolta.
Riprendono gli scavi verso il basso con tanta voglia e determinazione.
7.6 metri poi 3.6 metri e nel 2012 il giorno del contatto.
Passando sotto a una ciclopica frana, con un tunnel di quasi 30 metri, si è finalmente realizzato il sogno inseguito da generazioni di speleologi .
Il GSM ringrazia tutti quelli che negli anni hanno lavorato a questa titanica impresa, tutti quelli che hanno creduto e tutti quelli che l’hanno sognata.
C’è stato bisogno di tutti per realizzarla.
G.S.M.

Foto di gruppo prima di entrare.

Il pozzetto che dalla Pisatela porta in Rana.

La squadra all’Ultima Spiaggia.

Federico “Iko” Lanaro e Cesare Raumer.

PROVA ARVA RANA-PISATELA‏

Ore 14:00 Arva Pisatela in ricezione – Arva Rana trasmissione sul camino. Rilevazioni varie danno una media di 20 metri.La radio trasmette/riceve solitudine.

Ore 14:25 Arva Pisatela in ricezione rileva mancanza di segnale dalla rana. La squadra sotto si stà spostando all’ultima spiaggia.La radio trasmette/riceve solitudine.

Ore 14:30 Arva Pisatela in ricezione.Arva Rana trasmissione nei pertugi più estremi dell’ultima spiaggia.La radio trasmette/riceve solitudine.

Ore 14:32 Arva Pisatela in ricezione rileva il segnale dell’arva rana.Bene.Ci spostiamo piano piano avanti fino on fondo alla frana.La radio trasmette/riceve solitudine.

Ore 14:35 L’evoluzione della tecnologia di questi strumenti indica la direzione del segnale più forte.Ma non è una novità.Direzione frana.I metri li sappiamo………, l’errore sempre intorno al 15/20% della distanza rilevata, che per ora 8-10 metri.La radio trasmette/riceve solitudine.

Ore 14:37 Avanziamo con la radio fino in fondo alla frana.La radio trasmette/riceve solitudine.Comincio ad odiare quel “canale1 169.87″.

Ore 14:40 Ennesimo tentativo: “Rana Rana da Pisetala, Rana Rana da Pisatela”………..solitudine……….poi la radio si posiziona in ricezione,tre misteriosi led sullo schermo prendono colore “crrrrr crrrrrrrr AVANTI PISATELA DA RANA……..(il resto non lo si può scrivere)”

Un onda di emozioni ci travolge prepotentemente,urla,sogni,ricordi.

Il resto è routine :
prove varie di direzione,inclinazione,ricezione (per la prima volta accordate via radio al momento!).
Raccogliamo i cocci e usciamo.
Aspettiamo in rana l’uscita della squadra sotto.
Bruschetta e birra.
Chiaccherata fino a notte fonda guardando le stelle.

01-10-11 data da ricordare.

Per ora questo.

Sono ancora tanti metri , sassi su sassi, ma da sabato una nuova spinta a credere ancora in quel sogno di molti, cominciato tanti tanti anni fà.

Per la relazione “tecnica” dell’uscita, aspettiamo passi questa ubriacatura di emozioni.

Ciao Jvan

DEMENZA E SPELEOLOGIA AL BUSO DELLA RANA

Intervista esclusiva di Alfonso Gutierrez de Imenez ai due speleologi veneti che hanno partecipato alla esplorazione intergruppi in zona Peep della Frog Cave o Buso della Rana in Italia l’8 maggio 2011.

De Imenez: Prima di parlare della esplorazione vorrei un breve profilo delle vostre persone.
Niccolò: buon giorno, Scusi ma sono un po’ emozionato, non sono abituato a questi clamori. Mi chiamo Niccolò …Niccolò Copernico e sono nato in Polonia nel 1473 , a Torun precisamente. Ho cominciato la speleologia nel lontano 1495 frequentando un corso di introduzione a Cracovia e poi per problemi di lavoro mi sono trasferito in Italia a Malo nel 1500. Li ho conosciuto il GSM e da allora frequento le grotte locali in particolare il Buso della Rana.
Claudio: Buon giorno. Io essendo il più anziano dei due non ho alcun problema di emozione. Mi chiamo Claudio….Claudio Tolomeo e sono nato nel II° secolo dopo Cristo in un paesino della Grecia che non ricordo neanche il nome da quanto tempo è passato. Ho cominciato a fare speleologia nelle grotte del Peloponneso e poi all’età di 22 anni mi sono trasferito in Italia dove ho continuato la mia attività speleologica e di ricerca.
De Imenez: di cosa in particolare vi occupate voi due?
Niccolò: io sono un astronomo ma per passione mi occupo di circolazione di aria e acqua nel sottosuolo. Sto approfondendo anche certi aspetti della gravità applicata ai sassi.
Claudio: anch’io sono un astronomo e come il mio amico Niccolò mi occupo come passatempo della fisica dei fluidi in particolare applicata al mondo sotterraneo. Sono uno scienziato
De Imenez: siete anche esploratori?
Niccolò: questa è una branca della speleologia che non fa per me.
Claudio: io una volta ho trovato una nuova grotta, ma una volta dentro ho scoperto essere la tana di un tasso e ho visto bene di segare il palo.
De Imenez: adesso che ci avete parlato di voi, raccontateci della esplorazione intergruppi di domenica. Cominci tu Claudio?
Claudio: Va bene. La nostra squadra era composta oltre che dal sottoscritto anche da Niccolò, da tre speleologi kazhachi e 2 sudafricani. Dovevamo dividerci in due gruppi, io e Niccolò seguire la parte di ricerca e gli altri 5 continuare lo scavo e l’esplorazione in zona Peep.
Niccolò: si a parte che i due sudafricani li abbiamo persi al Camerone dei massi e poi non abbiamo saputo più nulla, siamo entrati alle 9.00 al Buso della Rana e subito abbiamo notato al sifone della pella di serpente nell’acqua. Noi ci abbiamo vista per la scienza!
De Imenez: di serpente? Siete sicuri?
Claudio: credo che Niccolò abbia ragione era la pelle di un serpente. Forse di una anaconda
Niccolò: non l’abbiamo però trovata!
De Imenez: Andiamo avanti.
Niccolò: abbiamo proseguito incrociando le altre squadre che uscivano e ci parlavano in varie lingue e dialetti di grandi esplorazioni . Si respirava una atmosfera nuova, mai provata prima in grotta.
Claudio: siamo arrivati in zona Peep e li abbiamo cominciato i lavori. Siccome i tre kazachi non avevano dimestichezza con il trapano della Hilti abbiamo iniziato noi gli scavi anche se non siamo esploratori.
Niccolò: ho cominciato io a scavare e subito mi sono preso un macigno sul muso. Tanto che stavo per mandare all’aria tutta l’esplorazione.
De Imenez: si ma spiegateci meglio.
Claudio: be’’ dovete sapere che li siamo al limite della speleologia classica. Lo scavo avviene dal basso verso l’alto in condizioni veramente critiche di lavoro. Non vorrei essere esagerato, ma lo scavo in Peep è un grande salto in avanti per l’esplorazione mondiale in grotta. Si è aperto un nuovo modo di pensare la speleologia in genere.
De Imenez: Ma parliamo di limite umano ?
Niccolò: Si ha detto bene. Li si dovrebbe anche lavorare con gli occhiali antinfortunistici.
De Imenez: li avevate?
Claudio: no. Ce li siamo dimenticati a casa.
Niccolò: quando è toccato il turno di Claudio a scavare, è risalito per alcuni metri e poi si è incastrato con il ginocchio all’altezza dell’anca e l’anca bloccata su uno spigolo di roccia.
De Imenez: come ha fatto ad uscirne vivo?
Claudio: ho chiesto l’aiuto al mio amico Niccolò che mi ha messo la sua scapola a disposizione e alla fine ci siamo tirati fuori. Gliel’ho un po’ contusa ma per un amico……
De Imenez: ha avuto paura?
Claudio: per un attimo ho visto la morte in faccia . Credevo di rimanere per sempre li, ma poi l’idea di bloccare l’esplorazione della Peep a causa di un cadavere incastrato su per un camino mi ha dato l’energia per tirarmi fuori da li.
De Imenez: e cosa avete fatto poi?
Niccolò: abbiamo fatto un foro a quel naso di roccia e lo abbiamo ridotto un mucchietto di sabbia. Cazzo! Ho la scapola distrutta.
De Imenez : e le vostre ricerche?
Niccolò: mentre scavavano i kazhachi io e Claudio abbiamo fatto delle ricerche molto interessanti.
Claudio: sono state decise al momento dagli organizzatori dell’evento ed erano fino all’ultimo top segret.
De Imenez: siamo curiosi di conoscerle.
Niccolò: io ho fatto degli studi sulla somministrazione di nicotina come anestetizzante.
Claudio: io ho proseguito dei vecchi studi sull’utilizzo come alimento della carne di maiale in ambienti ipogei.
De Imenez: avete degli scoop da rivelarci?
Niccolò e Claudio: per ora tutto top segret.
De Imenez: alla fine siete passati aldilà della frana?
Niccolò: era oramai da parecchio che eravamo dentro e dovevano darci il cambio con gli austriaci e australiani…..quando …..
Caludio: te l’avevo detto di portare via gli occhiali! Porca miseria!
De Imenez: una tragedia?
Niccolò: per colpa di un pezzo di fango che è caduto. Sempre Isacco Newton di mezzo!
De Imenez: mi spieghi meglio.
Claudio: niente da spiegare! Si è preso una “slorda “ di fango in te l’occhio e tutta la spedizione è andata a farsi benedire.
De Imenez: volete dire che una “slorda” di fango ha mandato all’aria l’intera esplorazione intergruppi?
Niccolò: proprio così! Avevo l’occhio pieno di fango, le mani sporche di fango, tutto intorno era fango e Claudio continuava a mettermi le dita sporche di fango nell’occhio.
Claudio: cercavo di aiutarti!
Niccolò: ho provato a sperimentare l’utilizzo della nicotina come anestetizzante e lacrimante, ma la ricerca è ancora agli inizi e non abbiamo fatto nulla. La situazione era grave.
De Imenez: come è andata a finire?

Claudio: Per fortuna i kazachi ci hanno aiutato , e poi gli austriaci e australiani. Ma dobbiamo ringraziare tutti gli speleologi presenti che si sono prodigati in questo intervento di soccorso. La macchina organizzativa è stata all’altezza della situazione e anche nell’emergenza ha funzionato bene.
De Imenez: e quindi tutto si è concluso con del fango nell’occhio.
Niccolò: proprio così, ma stiamo già organizzando una prossima spedizione di esplorazione .Non possiamo mollare adesso che siamo vicini a by-passare la frana della Peep.
Claudio: se mi è permesso volevo aggiungere una cosa. Quello che è stato iniziato domenica è qualcosa di unico per la speleologia mondiale. Stiamo parlando di rivoluzione nel campo della esplorazione e della ricerca in grotta, intendo dire un nuovo modo di fare la speleologia , una nuova mentalità. Per farle un esempio lo scavo dal basso verso l’alto, non ha precedenti nella storia della speleologia, stiamo parlando di condizioni di lavoro al limite dell’umana sopportazione. Per non parlare delle ricerche e delle conferme che ne sono uscite fuori. Qui parliamo di una nuova dimensione nell’affrontare il mondo ipogeo.
De Imenez: avete delle anticipazioni?
Niccolò: credo di aver provato l’esistenza di una congiunzione tra Complesso della Poscola e Buso della Rana proprio in zona Peep.
Claudio: Niccolò e io ne siamo certi.
De Imenez : con queste ultime parole possiamo concludere l’intervista. Carne al fuoco ne abbiamo per la speleologia vicentina e mondiale. Grazie Niccolò e grazie Claudio , buone esplorazioni in grotta . E la prossima volta attenti alle “ slorde”!
Niccolò e Claudio ( allunisono) : ma vaffanculo!

In questo blog troverai alcuni resoconti dell'attività svolta dagli speleologi maladensi. Esso vuole essere un piccolo diario di viaggio dove condividere le esperienze e le emozioni provate durante le nostre uscite sotterranee.
Se desiderate entrare in contatto
col gruppo, potete farlo attraverso
e-mail
INFO@SPELEOMALO.IT
oppure
veniteci a trovare il
giovedì dalle ore 21:30
nella nostra sede presso:
Gruppo Speleologi Malo
sezione CAI
Palazzo delle Associazioni
Piazza Zanin N°1
36034 Malo
Vicenza
  • 32757Totale visitatori: