Buso della Neve: non si passa!

Sabato siamo andati al Buso della Neve di Malga Zingarella, per fotografare le sale ghiacciate che si trovano al suo interno.

Lo splendido paesaggio carsico di Malga Zingarella

Già trovare il punto di calata è stata un’impresa a causa dei mughi che hanno ricoperto la traccia di sentiero e reso difficile l’accesso. Siamo rimasti spaesati dalla ripidezza del tratto iniziale (40m di dislivello) che lo davano da fare in libera, ma che noi abbiamo attrezzato lo stesso per sicurezza.
Grande attenzione allo scarico di pietre che ricoprivano ovunque il pendio. La ferrata costruita da -40 a -60 era stata danneggiata facendo saltare un fix e precludendo la possibilità di allongiarsi e costringendoci a continuare ad armare la discesa. Per fortuna il salto su roccia che dà accesso al nevaio era armato in zona sicura.

Il nevaio di -60

Messi i ramponi abbiamo cercato il passaggio che avrebbe dovuto introdurci nel pozzo d’accesso alla Sala Freezer. Nessun armo dove attaccarsi, quindi, prima di mettersi a piantare spit, abbiamo voluto tentare di verificare se si passava. Con i tre compagni che mi facevano sicura a spalla, mi sono calato, ma lo spazio tra nevaio e roccia era talmente stretto (e verticale) che, infilati i piedi, facevano fatica e muoversi. Impensabile volere infilarsi là dentro, nonostante si sentisse un po’ d’aria passare; come sarei tornato indietro?
Deciso di lasciare perdere; torneremo a fine estate.

San e Simona, Damiano, Gianluca Niero carichi come mussi!

Sandro Sedran

Un pensiero su “Buso della Neve: non si passa!”

  1. Ciao San,
    siete forti!!!
    Dal 7 al 14 agosto il Gruppo Grotte Schio ha il campo in Altopiano a Malga Bosco Secco … sarebbe bello avervi con noi e così potreste farvi qualche bella giornata di fotografia … sperando che la neve si decida a lasciarvi un pò di spazio.
    A presto e buone foto.
    Fanny

Rispondi a Fanny Cerato Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *